Quell’ora di magia e pura follia.

“Eva mi dai i soldi”

Nico mi raccomando piccolo. 

Piccole scheggine impazzite (una più mommia e sempre mocciosa) che corrono a destra e sinistra, due “bimbine” dalle lunghe code si devono innammorare di uno di loro. Quello papà !!! No quello…no quello, quelloooo, mmmmhhh forse quello! Il sorriso del papà riempie il suo volto, gli occhi le brillano al pensiero di accontentarle, viene tirato come un gommino di qua e di là. Non sbuffa, non dice di sbrigarsi, sta lì, paziente e sorridente a farsi tirare. Il mondo si è fermato e riprenderà a correre solo quando le sue bimbine avranno scelto. Papà eccolo lì !!!! Con il volto speranzoso lo guardano con gli occhioni sgranati nell’attesa del suo classico sì.

 

E come ogni anno, le bambine scelgono quello più alto, l’albero di natale più alto di tutto il vivaio, piuttosto spennacchiato….ma alto, altissimo. E via sopra il portapacchi, albero che penzola davanti, albero che penzola dietro. Le macchine suonano, la coda si allunga, ma lui fiero e sorridente guida piano per la sua strada.

“Eva apri il terrazzo!!!!” 

Nico ma ti avevo detto di prenderlo piccolooooooo !!!! E come ogni anno il papà lo lega ad una corda e con mamma lo tirano su dal terrazzo.La sua missione è compiuta.

Certo mai una volta che possa mettere la punta. 

 

 

ciao papi

IMG_0689

Annunci

Si può amare di più?

Mi sono sempre chiesta se potevo amare di più. Impossibile! E invece si può amare all’infinito. Mi sono subito innammorata, mi sono innammorata appena la seconda linea scolorita è saltata fuori (ricordate: due linee VALGONO anche se scolorite) Ma come potevo? E loro? Avrebbero sofferto di questo amore condiviso? Quando sono nati i gemelli già mi ero posta la domanda, come farò a dividere il mio amore in due bambini? E nemmeno in quel caso non si trattava di dividerlo, ma si trattava di raddoppiarlo e così è stato. Ho sfinito e sfinisco i gemelli di baci e coccole, mai un bacio di differenza, ma una carezza o un’accortezza i meno…. è fisiologico.

Un piccolo tesoro, a nove anni di distanza come sarebbe stato? MAGICO – STUPEFACENTE – MERAVIGLIOSAMENTE FANTASTICO Ogni momento è stato come vivere in una favola. I gemelli sono stati primi a saperlo.

Seduti sul divano, poche parole:                                                                                              Sapete come siete nati vero?                                                                                                                  Sì, con l’amore tra mamma e papà.                                                                                              Ora che ci siete, in questa casa siamo in 4 ad essere innammorati giusto?  Quindi c’è tanto tanto tanto amore.                                                                                                                                Sì …….. ma aspettiamo un bambino? 

ecografia Leon Nico20150604_093543.jpg

Nemmeno il tempo di spiegare e di chiarire…..Furono così commossi da stringermi lo stomaco, nei loro occhi luccicanti si leggeva già il loro amore e ho capito che sarebbe stato un percorso semplice e naturale. Hanno vissuto con noi ogni momento, ogni ecografia, ogni piccola mega galattica pedata dall’interno, hanno visto crescere il loro piccolo amore giorno per giorno.

Si sono occupati di me in tutto, da mettermi i calzini, a mettermi i cuscini sotto la pancia fino ad alzarmi da terra. Toccavano la pancia come se fosse la loro, lo chiamavano, lo picchiavano pure, gli sussurravano dolcezze e … pure schifezze. Hanno saputo prima di me, che sarebbe stato uno di loro, un altro maschietto (se ci ripenso li uccido tutti e tre) hanno scelto il suo nome. Un nome solo, solo quello, quello perfetto per tutti LEON. Solo loro sapevano che avrebbe avuto anche il nome del il mio papà e con gli occhi lucidi, mi dissero che avrebbero mantenuto il segreto. Sono stati 9 mesi magici, pieni di gioie e ansie, di progetti e di sogni futuri. Quando mi venne il diabete (che fu per me un incubo) si mettevano ogni volta lì con me e si facevano bucare anche loro, no Loris si faceva bucare (è un pochino sadico) Chri veramente se la filava a gambe levate. Sapevano tutto, se era alto o altissimo, lo registravano sul libretto, penso di aver avuto il libretto più sudicio e impiastricciato di chiunque altro, e sapevano quanta insulina dovevo fare. Ho sognato in ogni momento come sarebbe stato il giorno del parto. Li avrei voluti con me, sì, lì vicino a me. Erano preparati, sapevano come funzionava, che mamma avrebbe sofferto e urlato dal dolore, che ci sarebbe stato sangue, ma che ci sarebbe stato un miracolo, erano come me, affascinati dal mistero della nascita. Ma non erano preparati a questa forte emozione, non erano preparati a conoscere quel piccolo “Gozzilla” che si muoveva dentro la pancia di mamma                       Mamma saremo noi a vederlo per primi vero?                                                                            

Promessa mantenuta.                                                                               

Questo è per te, l’ho fatto io.

Adoooroooooo fare i pacchettini regalo …è una mania. Il regalo per me è esaudire un desiderio di chi lo riceve. Spendo molte energie nel sceglierlo, penso intensamente alla persona e poi vado dritta, anche se poi arrivo alla fine e non mi piace. Non dovrebbe essere una questione di soldi e quindi non mi baso su quello se mi piace, mi piace. Ovviamente non essendo ricca certe cose non le guardo nemmeno😫 Quindi mi butto sul pacchetto.

Cosa c’è di più bello che porgere un pacchetto da urlo e dire “questo lo fatto io, per te”

Eccoci a natale e vai con i pacchettini. Vorrei fare regali a tutti !!!!!  Mi da una gioia infinita !!! Ma come si fa ???? Inizia così il caos in casa e il periodo più stressante per Francesco, gli tocca occuparsi della cena tutte le sere mentre io svalvolo tra brillantini e nastrini.

Per tutti ? Ma ci vuole un mutuo !!!!!

FACCIO I BISCOTTI😏

Ma chi? Te?….. Si io perchè?

20171210_163348

Ricetta dei più semplici. Cereali e pinoli. Ragazzi tutti con mamma. Sono 10 giorni che mangiamo biscotti, non se ne pole più. Comunque su semplice si va sul sicuro…anche per me che come cuoca sono scadente. Ma ora arriva il bello…si entra nel mio. Ma se poi fanno schifo?

IMPACCHETTIAMOLI e ….ragali per tutti 😍😍

Sei proprio il bimbo che sognavamo

Non amo fare regali per i successi scolastici. La scuola è il loro dovere, il loro strumento per poter realizare un sogno. La loro curiosità deve essere coltivata, la voglia di sapere deve essere entusiasmante e il voto deve essere il risultato di un lavoro, dell’impegno personale messo per essere fieri di se stessi. Buon lavoro – buon voto qualsiasi esso sia. Sono stata fiera di vederli lavorare da soli, di vederli entusiasti, di vederli sulle spine aspettando una verifica. Ma sono stata fiera, dopo il primo voto non troppo “figo”, impuntarsi a testa bassa per andare oltre, e ottenere di più.

Noi ci siamo, sempre, voto alto e voto basso. Sempre pronti a tirarvi su ogni volta che inciampate, pronti a spingervi da dietro ma mai al posto vostro. Voi fate…voi ottenete.

Ma a volte non resistooooooo….e un regalino scappa, di solito uno che coinvolge tutta la famiglia tipo la classica cena da Mac Donald. Ovviamente non manca mai la nostra letterina del perchè. Io e Francesco adoriamo scrivere, fin da piccoli mettevamo dei post-it nella merenda con l’augurio di una buona giornata.

Loris si emoziona e piange sempre.

Molti anni fa, lessi una lettera di una mamma che aveva perso il suo bambino perchè si era suicidato. Saltiamo tutta la serie di osservazioni perchè c’è solo da disperarsi e riuscire a sopravvivere a questo. Mi rimase impressa una frase, “dobbiamo crescere uomini forti e liberi, brontolate, esigete, punite, ma non dimenticate di ricordargli sempre, che qualsiasi cosa succeda , è il bimbo che avete sempre desiderato”.

IMG_20171127_205358_510.jpg

Siete proprio quello che sognavo. I love you mamma

Nuovo inizio

Ma portiamo tutti i libri? Nooooo amore per stamani astuccio e diario. Ma allora che ci andiamo a fare a scuola ? Ecco appunto.

20170915_074632.jpg

Tutto è cominciato, e io sono caduta in buco nero. Non credevo occupasse così tanto il mio tempo e la mia mente. Rischio ogni giorno di rimanere senza fiato, giro con l’orario scolastico sul cruscotto della macchina. Ho solo 10 minuti per sapere come è andata e cosa devono fare. 10 minuti per aoutarli ad andare nella direzione giusta. 10 minuti per minacciarli di non far urlare i nonni altrimenti via i giochini della PS. 10 minuti per fargli capire che devono studiare studiare studiare studiare. 10 minuti per fargli amare lo studio. 10 minuti per fargli sapere che noi ci siamo e che devono darsi da fare per studiare alla perfezione ma che non succede niente se qualche volta va male.

IMG_20170930_100801_656.jpg

I 10 minuti più  intesi della mia giornata.

Comunque in questi pochi mesi della nostra prima media devo dire che  sono fiera di loro. Studiano con tranquillità ed emozione. E i risultati sono fantastici.

Tesori continuate così….

…..mamma non lo so😁😁😁

 

Tutto mio

Mi commuovo e la guardo intensamente. Questa sono io, sì sono io …. io sono tutti loro. Mi inviano questa foto e rimango in adorazione e gli occhi mi si riempiono di lacrime. Penso che la stamperò in formato gigante.

La guardo ed è proprio cosa sognavo, penso che li proteggerò per tutta la vita, penso che corro per loro tutto il santo giorno,  che avrò a che fare con 4 maschi e dovrò essere più forte di loro, che dovrò essere dolce per amarli, che un giorno mi guarderanno dall’alto verso il basso, solo per questione di centimetri spero. Sono egoista perchè la guardo e penso che sono tutti miei di mia proprietà. Ma poi …. di mio, ci sono solo le mie gote rosse e uno solo di quei fantastici Martini. Per il momento mi godo ancora un pò del mio egoismo.

IMG_20170916_224747_128

Balsamo Greenatural

Barattolino troppo carino, stile vintage, credo che lo terrò una volta finito. Quando lo apri ti invade immediatamente il profumo di lavanda e la voglia irresistibile di affondare il dito nel burro….. Detto fatto! Proviamo questo per le mega zanzare che girano intorno a Leon. Devo dire che si vedono le zanzare gironzolare intorno e non colpire. Ovviamente non è miracoloso ma Leon non si riempie di pinzi e almeno la puntura non diventa un mega nocciolone.

Ma diciamo la verità l’abbiamo finito io e Francesco. Lui per tenere morbido il suo ultimo tatuaggino (😆😆😆) e io, vista la mia mania di camminare scalza, per tenere morbidi i miei talloni raggrinsiti e secchi stile carta abrasiva.20170724_182133

Sei un pò untina all’inizio ma la morbidezza rimane fino al giorno dopo. Ma liscia devveroo!

Comunque  la cosa fantastica….è davvero affondare il dito nel burro. Soprattutto Leon e gemelli. Lo so, ho le prove, ci sono le loro impronte😒

 

Greenatural

Burro di Karitè alla Lavanda:
Il Burro di Karitè viene estratto dalle noci dell’albero Shea, è ricco di ricco di vitamine A, D, E ed F ed è un ingrediente straordinario per di trattamento di viso, corpo e capelli.
L’olio essenziale di Lavanda
, svolge un’efficace azione repellente sugli insetti e dà sollievo in caso di punture ed irritazioni della pelle oltre a contrastare lo stress, l’insonnia, il mal di testa. RILASSANTE. Ottimo anche per le scottature da troppa esposizione al sole.
Butyrospermum Parkii Butter*, Lavanda Hybrida Oil*, Linalool,Citronellol, Geraniol, Limonene.
* da Agricoltura biologica

 

Segui la pagina FB Greenatural ricca di prodotti e idee.

Lo sviluppo lessicale, morfo-sintattico e narrativo LE PAROLE RACCONTANO …

Sorgente: Lo sviluppo lessicale, morfo-sintattico e narrativo LE PAROLE RACCONTANO …

Love riccione

Dopo un anno intenso finalmente si parte. Stop casa, stop alla routin quotidiana, stop e stop. Dato che il piccolo di casa non ama il viaggio in macchina decidiamo, o quantomeno, tentiamo la partenza intelligente. OREQUATTRODELMATTINO. Ha funzionato 😁😁😁😁 si è svegliato verso le sette….latte pronto all’uso nel termos…altra mezz’ora di viaggio e scatta la furia. Ma tanto siamo arrivati!!!😜

Arrivati come sempre all’hotel Primiana da quando i gemelli hanno 4 anni. Vicino al mare e vicino alla passeggiata. Dall’anno scorso ci sono tutte le camere belle nuove, si mangia benissimo, e soprattutto il proprietario Paolo è simpaticissimo e disponibilissimo. Soprattutto tollerante con i piccoli mostri. L’hotel dei piccoli insomma. Non è certo un grand hotel, il prezzo è ok e fa al caso nostro. Non facciamo niente tranne andare al mare e a passeggio la sera. Tassative le vacanze in hotel…niente case, niente pranzi e cene, niente rifare letti ne pulire e sistemare. Di case ho la mia basta e avanza. Primo ombrellone fronte mare Bagno Lido delle sirene Bagno 102 con piscina bello e tranquillo l’animazione non è gran che, ma tanto a noi non serve. Riccione non mi viene mai a noia, la sua passeggiata pulita ben fatta, panchine bianche cespugli di piante aromatiche, curata e a misura di bambino. Anche se un giorno dovessi cambiare meta …qualche giorno a Riccione deve rimanere tappa fissa.  Ma come cambia la vita. Da giovincella quando l’aereo faceva parte dei nostri viaggi nei mari e paesi lontani, ho sempre detto “TUTTO TRANNE RICCIONE” ed ora sono 6 anni che ci passo le vacanze. Quando le priorità diventano altre.

20170801_165559